Le regole generali per la scelta del bicchiere da birra più adatto

 http://apparecchiarelatavola.com/bicchieri/bicchieri-da-birra/

La storia della birra nei secoli è da sempre caratterizzata da due evidenze: la sua presenza pressoché universale laddove ci sia stata la coltivazione dei cereali, e la sua popolarità presso ogni ceto sociale. E dunque da sempre esistono pure i bicchieri da birra, che però, come vedremo, hanno subito interessanti ed evidenti modifiche.

Come per il vino, anche per la mescita della birra esistono suppellettili che differiscono per caratteristiche estetiche e funzionali, laddove la regola generale prevede che il miglior bicchiere per una birra bionda sia il boccale o il calice a tulipano, per quella scura il baloon.

Chiaramente alla base di questa regola esistono motivazioni ben precise: la schiuma ha il compito di prevenire l’ossidazione prodotta dal contatto tra la bevanda e l’aria, per cui un bicchiere va scelto anche in base alla sua capacità di contenere sia la birra che la sua schiuma (a proposito di schiuma: è bene ricordare che il bicchiere va tenuto sempre inclinato per evitare che, mentre si versa la bevanda, se ne formi troppa).

Inoltre, le tipologie a bassa fermentazione, come le lager e le pils, caratterizzate da sentori tenui, vanno abbinate a suppellettili in vetro strette e slanciate proprio per ridurre al minimo la dispersione dell’aroma; al contrario, le ale, le trappiste e le stout, che si classificano come birre ad alta fermentazione dagli aromi decisi, necessitano di bicchieri dai bordi leggermente svasati.

Le tipologie più diffuse di bicchieri da birra

Tuttavia, scendendo nel particolare, ci si rende conto che anche i bicchieri da birra sono un’infinità!

L’ALTGLASS è la suppellettile in vetro più adatta a servire le ambrate Alt, con la sua forma cilindrica, che non esalta né mortificare la schiuma.

Diametralmente opposto il BALOON, con forma a chiudere, per esaltare la schiuma, e superficie ampia, per favorire lo scambio termico, ideale per birre corpose.

Bormioli Rocco Calici 6Pz Cl 53 Birra

Bormioli Rocco - Cucina

18,52 EUR

Se avete voglia di gustare una lager o una pils, il consiglio è di adoperare un CALICE A CHIUDERE, formato da vetro sottile e liscio, la cui forma convoglia la schiuma verso l’alto, ma le impedisce di traboccare.

Per birre aromatiche, come le belghe, meglio invece un CALICE A TULIPANO, che è possibile riconoscere dalla bocca svasata, che ostacola la formazione di una schiuma troppo abbondante.

Presenta invece un vetro di spessore medio, forma allargata al centro, bocca a chiudere, la COLONNA BICONICA, ideale per gli intenditori che, armati di spatola, possono “decapitare” la schiuma. La COLONNA CONICA presenta le medesime caratteristiche, ma una bocca più larga.

Il bicchiere per servire la birra più tipico e diffuso è il MASS (VETRO TEDESCO), dallo spessore considerevole, inciso, e dalla forma cilindrica. Come tipica è la PINTA, con la forma conica rovesciata e lo slargo subito sotto l’orlo.

Decisamente più raro, se non nelle confraternite studentesche in Germania, lo STIEFEL che, come suggerisce il nome, ha la forma di uno stivale!

Simile alla pinta per quanto concerne lo spessore, il BOCCALE VETRO, consigliabile per assaporare al meglio le ales, si presenta però con superfice liscia e priva di lavorazioni, e una bocca più stretta rispetto alla base.

Se invece volete evitare di alzare troppo il gomito il WEIZENBECKER è quello che fa per voi, con la sua capacità di mezzo litro (che ci pare sufficiente!) e la svasatura alla sommità che consente di controllare l’abbondantissima schiuma prodotta dalle birre di grano.

Sale
Rocco Bormioli BORMIOLI ROCCO Set 35 Calici Birra Lord Cl40 Arredo Tavola

Rocco Bormioli - Cucina

131,76 EUR - 13,18 EUR 118,58 EUR

Pochi forse sanno che tra i bicchieri da birra rientrano pure la FLÛTE (per birre secche da servire fredde) e le COPPA.

Bormioli Rocco Calici 6Pz Cl 53 Birra

Bormioli Rocco - Cucina

18,52 EUR

I materiali dei bicchieri per birra

Grazie alla lucentezza e alla facoltà di lasciare inalterate le qualità organolettiche, i migliori bicchieri per servire la birra sono realizzati in vetro, il materiale maggiormente adoperato per la conservazione e la degustazione di questa bevanda.

Ma non l’unico! Si pensi ad esempio alla ceramica: questo genere di boccali da birra possono essere realizzati con tale maestria e ricchezza di particolari e dettagli da diventare anche articolo da collezione per tantissimi appassionati in tutto il mondo, noti per la loro bellezza e per la loro storia. Le dimensioni variano dai 33 cl fino ad addirittura 32 litri, anche se le dimensioni medie sono mezzo litro o uno intero.

A parte vetro e ceramica, i bicchieri atti alla consumazione della birra possono essere anche in terracotta, porcellana, legno, latta, argento, cristallo, e sbirciando bene anche in avorio e oro (ma si tratta di pezzi assai rari e costosi).

Una menzione meritano pure le suppellettili per la mescita in gres con coperchio: i primi esemplari risalgono al 14° secolo, quando, per risolvere il problema del contagio della pesta bubbonica, si cominciarono ad adoperare dei coperchi, caratteristica che poi divenne tipica di quasi tutte le produzioni. La popolarità che raggiunsero in breve tempo i boccali in gres portarono anche all’affermazione della moda di decorarli con disegni artistici che li resero ancora più ricercati, come accadde per quelli provenienti dalla zona tra Cologna e fiume Reno.

Due curiosità: i birrifici artigianali sono un fenomeno attualmente di gran moda, con un 2015 dominato da grandi sorprese, come la nascita del primo birrificio trappista italiano e la produzione delle prime birre artigianali in lattina; a proposito di birrerie, oggigiorno in quelle di Monaco è addirittura possibile affittare per un anno (rinnovabile) uno scompartimento dove conservare il proprio boccale in ceramica personalizzato, che viene lavato e riposto dall’avventore stesso.

Bicchieri da birra che si fanno notare

Su Amazon è in vendita un boccale da birra in silver plate, da una pinta, con manico a forma di leone, per poco più di 40 euro.

Sempre all’insegna delle “particolarità”, è disponibile anche un corno da Vichingo in vetro con supporto in legno di betulla, che costa circa 22 euro (una nota: uno dei clienti che l’ha acquistato e provato suggerisce di sorseggiare la birra tenendo l’estremità appuntita verso la propria destra, di modo che le gocce cadono sul pavimento piuttosto che sui pantaloni!).

Le forme bizzarre presenti sul sito di acquisti online Amazon continuano ancora: questo busto di donna, la cui capacità è di 1/2 litro, costa meno di 9 euro, ma volete mettere l’espressione di vostra moglie quando vi vedrà sorseggiare una bionda dal corpo di un’altra?!

Out of the blue Bicchiere da Birra Torso di Donna

Out of the blue - Cucina

8,83 EUR

Regole di manutenzione e servizio per i bicchieri da birra

Per quanto concerne il lavaggio dei bicchieri da birra, è bene consigliare di evitare saponi aggressivi o molto profumati, prediligendo invece quelli neutri, da adoperare con acqua tiepida.

Aggiungiamo che sarebbe anche opportuno, prima di adoperarli, sciacquarli leggermente in acqua fredda, per evitare che una temperatura troppo elevata (soprattutto se le suppellettili sono state asciugate in modo meccanico e debbano essere riadoperate immediatamente, cosa vera soprattutto per pub e birrerie) determini uno shock termico ad una birra tenuta in fresco.

  • bicchieri da cognac
  • bicchieri da cocktail
  • bicchieri da rum
  • bicchieri da vino
  • bicchieri da wiskey
  • bicchieri per acqua