I bicchieri di plastica sono ideali per le feste, per i picnic, per un pranzo frugale consumato alla scrivania in ufficio ma anche per situazioni in formali con amici e parenti ed i prezzi sono destramente contenuti.

bicchieri di plastica per le feste a prezzi contenuti

Si tratta di accessori per la tavola che vengono scelti per risparmiare tempo e fatica, dal momento che non vanno lavati, che ci illudono di economizzare (cosa poco vera, dal momento che la spesa è reiterata “all’infinito”), ma che solitamente non presentano chissà quale appeal dal punto di vista estetico (a dispetto del fatto che ne esistano anche versioni colorate).

Esistono fortunatamente delle eccezioni a questa regola, e dunque, se proprio devono essere in plastica, per lo meno che siano belli: come i bicchieri “Rombi”, trasparenti, con capacità di 200ml, in polistirene, ideali per bevande sia fredde che calde, commercializzati da MonoUsoDirect (negozio online specializzato in contenitori usa e getta per alimenti e in articoli monouso con un ottimo rapporto costo-qualità, che consente di scegliere tra più di 3.000 articoli) al prezzo di 3,40 euro per la confezione da 25 pezzi (che viene scontato a 2,89 nel caso in cui l’acquisto superi i 40 lotti).

Sempre dello stesso shop “RIBBED” PS, trasparente, nel quale le linee invece che seguire il classico orientamento orizzontale, si sviluppano in verticale, offerto a poco più di 125 euro per 1000 pezzi.

Non passa affatto inosservato il bicchiere in Plastica Rigida “Moon”, trasparente, capace di contenere fino a 230ml di liquido (ma disponibili anche nella versione da 300ml, oltreché in versione colorata, con tinte particolari e interessanti come il lilla, il fucsia, il verde acido, il bordeaux, il marrone, e altri), caratterizzato da due orbite che si intersecano, e che è possibile acquistare a poco meno di 11 euro per 50 pezzi.

Dall’estetica gradevole pure ICE, che presenta base stretta che via via si allarga tino all’orlo, e una superficie sfaccettata: ma interessante è soprattutto il materiale di composizione, cioè un Polistirolo Riciclabile, Privo di Bisfenolo, infrangibile, adatto a frigorifero e a temperature tra i 20 e 120 gradi.

Sale
Bicchiere in plastica colorata

KASANOVA - Cucina

1,50 EUR - 0,50 EUR 1,00 EUR
Sale
Bicchiere in plastica colorata

KASANOVA - Cucina

1,50 EUR - 0,50 EUR 1,00 EUR
Sale
GONDOL aroma Maxi tazza, trasparente, 0.64 litri, pezzi

Gondol - Cucina

1,50 EUR - 0,50 EUR 1,00 EUR
Sale
H&H 22332 Confezione Bicchieri, 8 Cl, Verde, 50 Unità

Pengo - Articoli per la casa

1,28 EUR - 0,18 EUR 1,10 EUR
10 Calici Vino su 17 cl – 1ER prezzi

Fêter et recevoir - Giocattolo

1,90 EUR

Il polistirene dei bicchieri di plastica

Quasi tutti i prodotti sopra citati sono realizzati in polistirene (o polistirolo), un polimero che a temperatura ambiente si presenta sotto forma di solido vetroso, che al di sopra dei 100 °C acquisisce plasticità, e che, nella tipologia espansa assume l’aspetto di schiuma bianca leggerissima, spesso modellata in sferette e adoperata per isolare e imballare.

Si tratta di un materiale che viene usato in molti settori: nell’industria alimentare serve a produrre posate, piatti e bicchieri di plastica, involucri per le uova, barattoli per yogurt; in quella manifatturiera per i contenitori dei CD e DVD; nei laboratori di ricerca per provette e micropiastre; etc.

Quando le materie plastiche, della cui famiglia il polistirene fa parte, vengono adoperate per uso alimentare, devono chiaramente garantire igiene e atossicità, assenza di additivi e coloranti, per evitare che rilascino sostanze nocive ai cibi in questione. Anche perché, il fatto che le confezioni rechino la scritta «per alimenti» o il simbolo internazionale costituito da bicchiere e forchetta implica solo che abbiano ottenuto la certificazione europea circa i livelli tollerabili di sostanze contaminanti, e non già che non ne contengano!!!

A mitigare un po’ la questione, il fatto che i bicchieri di plastica dal 1° maggio 2012 condividono la stessa sorte dei piatti prodotti col medesimo materiale e delle vaschette di polistirolo, che possono essere gettati nella raccolta differenziata, ma solo dopo essere stati puliti (analogo destino, ahinoi, non tocca alle stoviglie di plastica, che ancora finiscono in discarica!).

Anche la plastica può essere romantica quando assume la forma del calice!

È certo che la dote migliore di queste suppellettili da tavola in plastica sia la comodità. Pensate ad esempio di voler organizzare una romantica scampagnata con la vostra dolce metà, e di voler brindare all’amore che vi lega con delle bollicine: la questione è: rubate dal servizio di bicchieri in cristallo di vostra madre un paio di flute, ma restate col patema d’animo che nel cestino del picnic possano fare una brutta fine, riducendosi in milleuno pezzi, oppure cercate una soluzione alternativa?

L’opzione potrebbe essere per calici in plastica, come quelli disponibili su Omadadesign, che propone un set 4 flute champagne da 17,5 cl, in acrilico e vari colori, con lavorazione ad effetto diamante, lavabile in lavastoviglie, per circa 20 euro (allo stesso prezzo, e della stessa linea, anche il servizio di calici vino da 27,5 cl, in 4 pezzi di acrilico trasparente o in varie tonalità).

I bicchieri in plastica rigida

E a questo punto perché non dei bicchieri in melamina, che possono tranquillamente essere riutilizzati?

Oltre KALAS, il bicchiere che in colori vari che Ikea propone a circa 2 euro per il servizio da 6, che può essere messo sia nel forno a microonde che in lavastoviglie, che può essere impilato in modo da occupare poco spazio, quando non serve, e che è stato prodotto senza aggiunta di BPA (bisfenolo A), per cui è possibile riciclarlo, se amate i colori potete optare pure per Kitchen Craft Colourworks, il Set di 4 bicchieri da bibita da 225 ml disponibile su Amazon.

Belli si, pratici pure, economici anche, ma sicuri?

In effetti la melammina non è innocua e viene indicata nelle schede di rischio come pericolosa se ingerita, inalata o assorbita attraverso la pelle. Inoltre, l’esposizione cronica alle polveri può provocare tumori e danni riproduttivi. La sostanza è saltata tristemente agli onori della cronaca perché adoperata per sofisticazioni alimentari: il primo caso si ebbe nel 2005 in nord America; quello forse più noto si registrò dal 2008 in Cina e coinvolse latte in polvere e non, di largo uso pediatrico; in Italia si sono registrati alcuni casi in provincia di Bari e in Campania.

Noi in merito sospendiamo il giudizio, lasciando a voi la scelta di questo particolare tipo di bicchieri in plastica

Ora non ci sono più scuse, puoi comprare i bicchieri di plastica e non avere più pensieri mentre organizzi una festa ed i prezzi sono bassi bassi…