SAMBONET ALESSI BUGATTI GUZZINI LAGOSTINA

i migliori marchi di posate in acciaio per ogni occasioneVi siete ma chiesti come mai la maggior parte dei servizi di posate odierni sia in acciaio inox? Perché si tratta di un materiale capace di resistere a umidità e corrosione, senza richiedere particolari accortezze nella pulizia o nella conservazione.

Diverso il caso dell‘acciaio normale che col tempo tende a ossidarsi e macchiarsi.

Per poter ovviare a questi inconvenienti è necessario ricorrere a degli stratagemmi.

Innanzitutto, bisogna dotarsi di diluente nitro o acetone, col quale pulire le posate, da immergere successivamente in una soluzione di bicarbonato di sodio e acqua, e strofinare infine con un batuffolo di cotone. Ma se le macchie dovessero essere tenaci, bisognerà ricorre a una soluzione di soda caustica al 10% e fare ricorso ad uno spazzolino da denti. Sparite le macchie sciacquerete con abbondante acqua e asciugherete delicatamente, per poi passare alla lucidatura.

Per quest’ultima fase ricorrerete al Bianco di Spagna (gesso venduto sotto forma di polvere), da strofinare con un panno di cotone inumidito; sciacquerete e asciugherete, e le vostre posate in acciaio saranno tornate come nuove!

Ma con l’acciaio inoxcome detto, vi risparmierete tutta questa fatica, limitandovi a pulirle con acqua e aceto o con prodotti pronti.

Per quanto riguarda l’organizzazione delle posate, se stiamo parlando di un servizio di uso quotidiano esso andrà riposto nell’apposito cassetto di cucina; se invece l’uso è sporadico, in considerazione del fatto che l’acciaio non è esente da processi di ossidazione, sarà bene evitare il più possibile il contatto con l’aria. In che modo? Stipando queste suppellettili in custodie ad hoc, generalmente di tessuto, a forma di sacchetto o avvolgibili, oppure nell’alluminio alimentare.

Bestseller No. 1
Sambonet Taste - Set di Posate da Tavola Monoblocco in acciaio inox 18/10, per 6 persone, 24 pezzi:...
  • Il set di posate monoblocco in acciaio inox 18/10 della collezione Sambonet Taste è concepito per l'uso quotidiano e garantisce al tempo stesso alta qualità, praticità e resistenza
SaleBestseller No. 2
Bestseller No. 3
Set 24 pezzi posate SINTESI BUGATTI - acciaio inox 18/10
  • Le posate sono interamente in acciaio inox 18/10.
SaleBestseller No. 4
SaleBestseller No. 5
SaleBestseller No. 7
Bon Bubble - Servizio di posate in acciaio INOX, 24 pezzi
  • Le posate Bon uniscono qualità elevata ad un design attraente, offrendo un miglioramento dell'esperienza culinaria a prezzi ragionevoli
Bestseller No. 9
Qucher Forchette da Tavolo , Coltello Bistecca , cucchiaio da minestra, Cucchiaio di ghiaccio ,...
  • Difficile e durevole, Costruzione in acciaio inox 410, Forchette da Tavolo per cena di alta qualità.
SaleBestseller No. 10
Sambonet Leaf - Set di Posate da Tavola monoblocco in acciaio inox 18/10, per 12 persone, 60 pezzi:...
  • Il set di posate in acciaio inox 18/10 della collezione Sambonet Leaf è perfetto per chi desidera portare a tavola anche nella quotidianità stile, raffinatezza e alta qualità

Materiali e processi di fabbricazione delle posate in acciaio

Prima che si diffondesse l’uso di questo materiale, le posate venivano costruite in legno, facile da lavorare per conferire leggerezza e maneggevolezza.

In seguito allo sviluppo della forgiatura si cominciò ad impiegare il metallo: ferro stagnato o cromato, leghe di rame, nichelio e zinco (alpacca), leghe d’argento e da ultimo acciaio inossidabile.

Inizialmente il processo di fabbricazione si valse solo di incudine, martello, scalpello, lima e stampi rudimentali: ma la produzione era chiaramente scarsa e i prezzi alti.

Si passò allora alla fusione e allo stampaggio.

Il primo non esige particolari impianti, limitandosi a versare entro forme di terra o di ferro il metallo fuso, e levigando e lucidando i pezzi ottenuti.

Lo stampaggio richiede invece impianti industriali molto complessi, composti da presse, laminatoi, bilancieri, etc., che consentono di ottenere delle posate qualitativamente superiori rispetto a quelle fuse. Il pesante svantaggio è però la quantità molto elevata di “sfrido” che viene a crearsi (che determina anche costi elevati).

Ma non era questo l’unico inconveniente: si dovette escogitare come salvaguardare le posate dall’acidità delle vivande, e si pensò di rivestire il metallo di cui erano composte con altro metallo inattaccabile (il ferro venne ricoperto col cromo e l’alpacca con l’argento).

È cosa del Novecento la scoperta dell’acciaio inox, che ha portato all’innovazione delle posate in acciaio inossidabile, la cui qualità è determinata in buona parte dallo spessore. L’acciaio 18/10 è il migliore; il 18/8 non arrugginisce ma può ossidarsi o formare macchie di calcare; il 18/C (cioè con solo cromo) è più economico ma arrugginisce nel tempo.

Lavorazione delle posate di acciaio inox

Due sono le modalità di lavorazionea freddo e a caldo.

La prima è definita così perché il materiale non viene riscaldato in nessuna delle fasi, che consistono nel tranciare il profilo, laminare con rulli per assottigliare la parte anteriore, rifilare, sgrassare per eliminare gli olii delle varie lavorazioni, coniare per curvare e ottenere la forma dell’oggetto finale, lucidare, lavare, e confezionare dopo aver effettuato i controlli di qualità.

La lavorazione a caldo, che interessa in particolare i coltelli, viene eseguita su leghe ad elevato contenuto di cromo e carbonio, e, come suggerisce il nome, si tratta di un processo in cui la trasformazione plastica del metallo avviene tramite calore ad alte temperature. Le fasi di lavorazione a caldo prevedono di riscaldare le barre, dopo averle tranciate; forgiare manico e lama; dopo aver definito il profilo, portare la lama a temperature elevate in speciali forni (1080° C) e poi raffreddarle in camera d’azoto; molare e seghettare la lama, dopo un rinvenimento in forno a 250° circa; lucidare, lavare, e confezionare, dopo aver eseguito il controllo di qualità.

Una dritta per gli acquisti

Se avete intenzione di comprare un servizio di posate in acciaio inox, ma non sapete su quale marca orientarvi, dal momento che in commercio ne esistono tantissime, potreste optare per i negozi Kasanova.

Si tratta, per i pochi che non lo sapessero, di un’azienda che oggi conta più di 350 punti vendita, tra diretti e affiliati, specializzati nella vendita di casalinghi e articoli per la casa, con un fatturato in continua crescita.

Una scelta che vi consente non solo di orientarvi su alcune delle firme più prestigiose del settore, come le posate Sambonet o le Alessi, le posate Bugatti e quelle Guzzini, o anche i prodotti Lagostina e quelli Villeroy & Boch, ma che vi permette pure di scegliere servizi a marchio Kasanova.

Il set da 24 pezzi di posate KASANOVA in acciaio mette a disposizione l’occorrente per occasioni sia formali che informali, senza rinunciare alla qualità di materiali e alla purezza delle forme. Composto da cucchiaino, cucchiaio, forchetta e coltello, caratterizzati da un delicato design lineare privo di asperità e decori: per un servizio di posate elegante, che non perde lucentezza anche dopo numerosi lavaggi.

Set posate carla in acciaio, 24 pezzi

KASANOVA - Cucina

16,90 EUR
Sale
Set posate in acciaio inox, 75 pezzi

KASANOVA - Cucina

129,00 EUR - 30,00 EUR 99,00 EUR
Sale
Set posate oxford in acciaio inox, 24 pezzi

KASANOVA

39,90 EUR - 5,00 EUR 34,90 EUR
Sale
Set posate con portaposate in metallo, 24 pezzi

KASANOVA - Cucina

39,90 EUR - 15,00 EUR 24,90 EUR
Sale
Set posate in acciaio inox Roma, 24 pezzi

KASANOVA

39,90 EUR - 5,00 EUR 34,90 EUR

Le posate: